L’Associazione Dèi Camminanti

Abbiamo sostantivato una pre-posizione articolata nel tentativo di dare spessore a tre lettere che camminano avanti alla reale essenza. Vogliamo fissare l’attenzione sul movimento della frase, desideriamo aggiungere valore a ciò che lega le parole, gli attimi, le persone, gli Uomini alla Natura. Un accento, a rappresentare un punto d’appoggio, un fulcro, anello di catena, luogo d’incontro, tappa di cammino.Dèi, come il plurale di Dio. Un nome prezioso, nobile, originale e forse un po’ strano e di certo ambiguo. (Incontrerò prima o poi un livornese che mi griderà alzando una mano in segno di saluto“Dé I camminanti!”). Ma stanno tutte qui le nostre aspirazioni, nel dare significato a quel piccolo segno, l’accento, che fa tutta la differenza e che lega nobiltà e ironia, passi e idee, andare e stare, volo e fermezza, territorio e persone.

Vogliamo promuovere la disponibilità a sperimentarsi nella Natura e nelle Relazioni Sociali allo scopo di ricercare Armonia, Lentezza, Bellezza, BenStare.

“Il camminare presuppone che a ogni passo il mondo cambi in qualche suo aspetto e pure che qualcosa cambi in noi”. Italo Calvino

GLI EDUCATORI, LE EDUCATRICI E LE GUIDE DEI CAMPI NATURA 2016

 

 

FEDERICA OTTANELLI

FEDERICA OTTANELLI

Guida Ambientale

Mi piace andare a piedi e e stare in tenda, esplorare, giocare, scoprire. Mi attraggono la natura selvaggia e le storie raccontate e scritte, anche senza parole. Ho realizzato viaggi a piedi, un po’ qua e un po’ là. Ai vostri genitori dite anche che sono una Guida Ambientale e del Parco delle Alpi Apuane, che ho gestito in passato il Rifugio Del Freo, che vivo a Vicopisano (PI) che sono Operatrice familiare per l’infanzia e che ho un figlio, Samuele, di 13 anni! Sono nata nel 1969.

 

LAURA BARBIERI

LAURA BARBIERI

Educatrice

Ho incontrato a Casa Cenci (Amelia, Umbria) due grandi maestri Franco Lorenzoni e Nicoletta Lanciano tramite i quali ho indagato il tema del Cielo come strumento, scenario e mezzo educativo. Lavorare a contatto con la natura e costruire semplici strumenti per osservare gli astri è diventato il mio divertimento che porto avanti sia coi bambini e con gli adulti proponendo attività diverse sempre alla ricerca di contesti naturali dove lo stupore possa crescere spontaneamente.

Elena Succhiarelli

Elena Succhiarelli

Attrice, Psicologa, Insegnante di Yoga

Che posso dirvi di me? Che quando c’è la luna piena ululo di gioia verso il cielo? Ci credete? Ebbene è vero … a volte l’ho fatto! E poi al mattino d’inverno accendo una stufa a legna e d’estate, quando vivo in tenda in mezzo ad amici selvatici, corro al ruscello a lavarmi il viso. Con lo Yoga scopro di avere potenti animali nel mio corpo e col Teatro racconto al mondo la mia strana vita … fatta di Poesia, di Natura, di Silenzio e di Incontri. Per voi genitori aggiungo anche le referenze istituzionali ! Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità, Attrice professionista Indipendente (porto in teatro le mie opere pubblicate nel 2012 da Tyrus Edizioni e da Rupe Mutevole), e “allieva nel Teacher Training” di Iyengar Yoga presso La Scuola di Ravenna diretta da Emilia Pagani. Dimenticavo … sono nata nei bei boschi dell’Umbria il giorno degli Angeli Custodi del 1975 !!!

MARTA FILIPPINI

MARTA FILIPPINI

Educatrice, Insegnante di Yoga

Per anni, troppi!, ho lavorato nella grande metropoli milanese, come educatrice e non solo, ora per fortuna vivo tra i monti e il mar ligure, alternando passeggiate e nuotate per rilassarmi e godere della vita e delle meraviglie della natura, tra un trattamento shiatsu e una lezione di yoga. Si, di lavoro faccio questo, ma anche per passione, cosi come stare coi bimbi e coi ragazzi che sono per me sempre fonte di grandi insegnamenti… e di saggezza. Insegno Yoga ai bimbi e agli adulti, sono insegnante e operatrice shiatsu ma son partita da Sociologia e da una formazione in ambito educativo a Milano per arrivare fin qui.
Francesca Maggioni

Francesca Maggioni

Da 17 anni lavoro come educatrice e dal 2010 progetto e conduco laboratori per bambini creando occasioni di libero scambio, esplorazione con tutti i sensi, conoscenza e sperimentazione di diversi materiali, strumenti e tecniche. Mi ispiro alla natura, ai libri illustrati, all’artigianato e al prezioso lavoro di Bruno Munari. Ho collaborato a Milano con l’ Associazione La Città del Sole- Amici del Parco Trotter, il gruppo di genitori Baramapà, l’evento Carrousel presso Cascina Cuccagna, il MUNLAB- Spazio Permanente Bruno Munari. Dal 2001 sono socia-lavoratrice della Cooperativa Sociale Comunità Progetto. Attualmente sto curando alcuni laboratori creativi nelle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria del comune di Segrate.

SERENA BARONE

SERENA BARONE

Attrice e maestra steineriana

Sono Serena, una nomade che ama cercare i luoghi della terra dove regna il canto e la bellezza della Natura. Per raccontarla, uso il gioco, il racconto, il suono, le mani, l’Arte, il silenzio e tutto ciò che la Natura ci regala. La Vita mi ha portato a incontrare sulla mia strada tanti bambini e ragazzi con i quali ho giocato, raccontato, suonato, costruito, dipinto, ascoltato e ringraziato.

Cinzia Bertuccelli

Cinzia Bertuccelli

Guida Ambientale

Sono Cinzia e vi do alcuni indizi per riconoscermi: spesso ho le trecce ed il colore dei miei capelli cambia con il tempo.
I miei sogni di bambina erano di poter stare sempre all’aria aperta, di ballare facendo acrobazie e di non crescere mai. Non ci crederete, ma a volte i sogni si avverano! Il mio lavoro di guida ambientale mi permette di stare a spasso nella natura, di continuare a giocare con i bambini, di scoprire sempre cose nuove soprattutto con gli animali.
Nel tempo ho imparato anche che la  casa di noi tutti, ovvero la  natura , va difesa e per questo mi dedico da anni ad aiutare gli animali selvatici in difficoltà e a scovare chi  inquina e commette i crimini ambientali . Che dire di più? Vado pazza per l’acqua e così ho trovato il modo di divertirmi sia nel mare che nei torrenti.

MARCO ALBERTINI

MARCO ALBERTINI

Chi sono io? Sono un ragazzo a cui piace camminare e vagabondare (spesso scalzo) in silenzio e libertà tra boschi, torrenti e crinali d’Appennino. Nel dipanarsi dei miei passi, mi guardo attorno per scattare fotografie a ciò che emana struggente bellezza e abbondante meraviglia, ogni giorno. Adoro leggere libri di alberi sotto alberi, ascoltando la musica della Natura fuori e dentro di me.
Altri generi di musica (tipo rock!) mi piace ascoltare (e danzare) quando cucino con creatività per condividere il cibo, il tempo e le risate in compagnia di persone più o meno conosciute. Sì, perché a me piace ridere!
E mi piace andare a teatro e al cinema.
Nutro interesse e curiosità per le discipline e filosofie orientali. Per questo, pratico meditazione da qualche anno per vivere ogni giornata con più presenza e centratura. Ai grandi dite (anche) che sono laureato in ingegneria meccanica con il massimo di voti, sono membro e socio fondatore del circolo fotografico naturalistico “Provediemozioni.it” di Bologna, sono affezionato socio CAI dal 2009.
Inoltre, come Guida Ambientale Escursionistica collaboro con due realtà dell’escursionismo bolognese organizzando e guidando escursioni per adulti e per ragazzi, in ottica di educazione ambientale e rispetto per la Terra e per l’Ambiente.
Ai ragazzi offro, inoltre, il mio tempo, le mie energie e le mie competenze per aiutarli a migliorarsi nel rendimento scolastico (assistenza-compiti a domicilio) per crescere lungo il cammino della vita. E questo loro cammino di crescita ed evoluzione è, in fondo, anche il mio.

seguici sui social

iscriviti alla nostra newsletter





come iscriversi all'associazione

Ass. Dèi Camminanti
Domanda a socio

PASSI SU PIETRE

1716 PUNTI DI VISTA. ‘Ogni pietra corrisponde a un passo, e a ogni passo corrisponde un paesaggio’
Il sentiero al di qua del cancello e’ fatto di lastre lisce e al di la’ di ciottoli grezzi: e’ il contrasto tra la civilta’ e la natura? La’ il sentiero si biforca in un braccio dritto e in uno storto; il primo si blocca a un punto morto, il secondo va avanti: e’ una lezione sul modo di muoversi del mondo? Ogni interpretazione lascia insoddisfatti; se c’e’ un messaggio, e’ quello che si coglie nelle sensazioni e nelle cose, senza tradurle in paroleE’ proprio in quanto obbediscono alla misura dei passi, che le pietre comandano i movimenti dell’uomo in marcia, lo obbligano ad un’andatura calma e uniforme, ne guidano il cammino e le soste.Se c’e’ una corrispondenza tra i punti di vista e i passi, se ogni volta che si avanza il piede destro o sinistro sulla pietra successiva s’apre una prospettivaEcco cos’e’ il sentiero: un congegno per moltiplicare [i punti di vista]: le pietre lisce che compongono il sentiero della villa di Katsura sono in numero di 1716, dunque 1716 punti di vista.Il camminare presuppone che a ogni passo il mondo cambi in qualche suo aspetto e pure che qualcosa cambi in noi.Tratto da I Mille Giardini di Italo Calvino
Share This