PIEDI A TERRA

Esposizione di Taiguara Alves Gianotti
a cura di Vanessa Martini

al “lazzeretto” del Convento di Nicosia
orari di apertura
15-19 venerdì
15-19 sabato
9-19 domenica

Un percorso espositivo composto da una selezione di lavori realizzati da Taiguara Alves Giannotti dal 1990 ad oggi. Sin dalle prime realizzazioni, l’artista privilegia come mezzi espressivi la forma scultorea e il quadro-scultura, tecniche entrambe associate all’utilizzo di materiali metallici che, nelle prime realizzazioni, si saldano l’uno con l’altro, in un’imprevista rigenerazione e, dal 2000 in poi, divengono base di una sorta di prassi incisoria: la superficie delle lastre metalliche viene trattata chimicamente affinché possa rivelare diversi stadi di ossidazione, fino ad evaporare del tutto nelle zone lasciate completamente libere dal dato materico. 

L’immaginario che si delinea è un itinerario tra temi legati al lavoro, industriale o post-industriale, e realtà migratorie, personali o condivise. Nel passaggio da un tema all’altro, anche le opere degli anni ’90 (ad es. Radiografia) acquisiscono un senso rinnovato, si fanno portatrici di uno sguardo inedito e aprono nuove prospettive: aereo-migratorie, satellitari-geopolitiche o quotidiane, in rapporto 1:1 con la realtà. Ogni nuova prospettiva acquisita lascia però ancora il giudizio in sospeso su quello che lo stesso artista chiama “pendolarismo culturale, territoriale e affettivo”: una delle molteplici e sfuggenti facce dei più recenti movimenti migratori.

Avrete occasione di visitare la mostra, se non verrete autonomamente, partecipando qui:
5 | CAMMINATA CON L’ARTE DA NICOSIA AI TRE PINI
50 | A PIEDI LA TERRA È BRUCIATA

Taiguara Alves Giannotti

Taiguara Alves Giannotti nasce a San Paolo del Brasile nel 1970. Si trasferisce a Pisa nel 1989 dove attualmente vive e lavora. Diplomatosi presso il Liceo Artistico di Lucca, inizia la propria ricerca artistica come autodidatta scegliendo come primo mezzo espressivo la scultura composta da oggetti in metallo riciclato. In seguito, prosegue le proprie sperimentazioni sempre attraverso la scultura, ma aprendosi anche all’installazione, la scenografia, il video e la fotografia: tutte opzioni che ha occasione di presentare in contesti espositivi nazionali e internazionali; partecipa, infatti, a mostre personali e collettive allestite sia presso spazi autogestititi che presso spazi privati, che rassegne più ampie come, ad esempio, la Biennale dei Giovani Artisti. Tra le ultime esperienze all’estero, si ricorda la residenza d’artista presso Ifitry, in Marocco, durante la quale l’artista realizza opere selezionate per la Biennale di Casablanca del 2014.

Vanessa Martini

curatrice dell'esposizione

Ringraziamo per la collaborazione l’Associazione Nicosia nostra (vedi info di seguito o a fianco)  e il Comune di Calci.

Associazione Nicosia nostra

L’associazione nasce così nel 2004. Tutelare e valorizzare il complesso di Nicosia è uno dei nostri scopi primari. Ma l’intento più importante è quello di ristabilire quel legame storico, culturale e soprattutto affettivo che esisteva un tempo tra il convento e gli abitanti della zona.
Opere di bonifica e pulizia, manifestazioni ludiche e culturali, ricerca di documenti e testimonianze, interventi di sensibilizzazione delle autorità civili e religiose, progettazione e realizzazione di materiali divulgativi come cd-rom, dvd e libri su Nicosia e molto altro ci hanno visto ridare vita al convento, rendendolo di nuovo protagonista del suo territorio.